Un progetto di ricerca contro le fake news musicali

Categoria Ahimè ch’io cado

Giocando sul titolo di un celeberrimo madrigale di Monteverdi, la rubrica “Ahimè ch’io cado”, curata dal prof. Michele Girardi, è una raccolta degli scivoloni “social” dei principali produttori di bufale.
In essa trova posto un gustoso florilegio di tentativi di proselitismo, di attribuzioni musicali fatte su Facebook, di tentativi di vendita di proprie pubblicazioni e di scene che spesso superano ogni immaginazione.

Ahimè, ch’io cado, n. 211: “Una rivoluzione ‘copernicana’?” di Michele Girardi

Dialogo accademico informale, con materiali su un critico controcorrente In un sito piuttosto pretenzioso, che distribuisce false verità a clienti bramosi di complotti, si vede una testata imbarazzante. I gestori della pagina vorrebbero paragonare la loro azione a una «rivoluzione… Continua a leggere →

Ahimè, ch’io cado, n. 209: “Un milione di mosche non può avere torto” di Carlo Centemeri (con Paolo Congia, Michele Girardi, Riccardo Mannefei, Mario Tedeschi Turco e Carlo Vitali)

Un milione di mosche non può avere torto di Carlo Centemeri (con Paolo Congia, Michele Girardi, Riccardo Mannefei, Mario Tedeschi Turco e Carlo Vitali) Sarebbe quindi logico ritenere la musica di Andrea Luchesi non così mediocre come molte persone oggi… Continua a leggere →

Ahimè ch’io cado, n. 200: “Sic et simpliciter ‘topi di fogna’” di Michele Girardi

Pubblico un dibattito molto significativo (e gratificante per chi, come noi della Nuova Accademia della Bufala, non ha mai mollato la presa sul problema delle bufale sparate dai due laureati in musicologia), con l’intento di celebrare un numero importante di… Continua a leggere →

Ahimè ch’io cado, n. 199: “Schizzi di fango” di Michele Girardi

Cominciamo ad aprire il nuovo nato in casa Bianchini-Trombetta. Si chiama Mozart. La costruzione del genio, autoprodotto come i precedenti a Tricase, ed è il frutto di una conferenza tenuta a Sassari da poco. S’inizia con la prefazione di un… Continua a leggere →

Ahimè ch’io cado, n. 198: “Una propaganda farlocca!” di Paolo Congia

Bianchini sta tentando di lanciare il terzo tomo autoprodotto, dove si ripromette di contestare una parte consistente, supponiamo, del catalogo di Mozart. Però nel farlo mostra di non conoscere, come ogni volta che vi si cimenta, la corretta prassi editoriale…. Continua a leggere →

Ahimè ch’io cado, nn. 195-197: “Al passo con i tempi” di Michele Girardi

Ahimè ch’io cado, n. 195 Bianchini non delude mai. Adesso se la prende con una monografia su Mozart fresca di stampa, e la stronca. Riporto solo il primo appunto, che riguarda un refuso, e rammento, io ateo e anticlericale, una… Continua a leggere →

Ahimè ch’io cado, n. 180: “Ancora sui quartetti di Mozart secondo Bianchini e Trombetta (… e ancora su Sandro Cappelletto)” di Renato Calza

C’eravamo ripromessi di lasciare Bianchini e Trombetta alle loro fatiche per “fare amare Mozart”, come asseriscono sorprendentemente autopromovendo i loro autopubblicati volumi. Eppure, a tutto c’è un limite, e quindi torniamo ai soliti vessati quartetti giovanili e al disinvolto (e… Continua a leggere →

Ahimè ch’io cado, n. 179: “Per una fenomenologia della ricerca musicologica di Luca Bianchini e Anna Trombetta. Un caso di studio: i Quartetti prussiani” di Renato Calza

(5 dicembre 2018, anniversario della morte di W. A. Mozart) 1. Necroscopie mozartiane In un precedente contributo avevamo già avuto modo di segnalare la disinvoltura con cui i due laureati in Musicologia Luca Bianchini e Anna Trombetta hanno utilizzato il… Continua a leggere →

Ahimè ch’io cado, n. 178: “Concerti e sconcerti  ovvero Pubblico rendimento di grazie ai Signori Bianchini e Trombetta da parte di un musicologo vaccinato sulla via di Sondrio (seguirà abiura via posta celere)” di Renato Calza

Signori! Avevo, lo confesso, grandi aspettative mentre aprivo il capitolo I concerti di Mozart alle pagine 413-418 della prima parte di Mozart. La caduta degli dei di Luca Bianchini e Anna Trombetta. Dopo la mia subitanea conversione anti-mozartiana ero avido… Continua a leggere →

Ahimè ch’io cado, n. 177: “‘La notte delle dissonanze’ ovvero noterelle sui rapporti tra Bianchini, Trombetta e Cappelletto nonché tra i sostenitori di Bianchini e Trombetta e il Cappelletto medesimo” di Renato Calza

Già in due occasioni abbiamo potuto leggere illuminanti contributi sulla lettura dei libri di Sandro Cappelletto operata da Luca Bianchini e Anna Trombetta: https://laccademiadellabufalamozartlacadutadeglidei.wordpress.com/2017/10/09/disinformazione-musicale-bianchini-interpreta-male-un-giudizio-di-sandro-cappelletto-sulquartetto-kv-8073f-di-mozart-di-mario-tedeschi-turco/ https://laccademiadellabufalamozartlacadutadeglidei.wordpress.com/2018/06/03/recensioni-tutta-la-vera-storia-delle-strampalate-fake-news-contro-w-a-mozart-di-mirko-schipilliti-in-gli-stati-generali-3-giugno-2018/#more-4811 Appare tuttavia opportuno aggiungere qualche noterella sull’argomento, per evidenziare sette piccole “dissonanze”. I testi di… Continua a leggere →

« Articoli precedenti

© 2020 ACCADEMIA DELLA BUFALA

Torna su ↑