Un progetto di ricerca contro le fake news musicali

Categoria Senza categoria

RAZZOLAVANO MALISSIMO MA PREDICAVANO BENE: qualche considerazione su Hitler, Stalin e il #MeToo offerta ai signori Bianchini, Trombetta ed altri da Aristarco Scannabufale

“È comunemente ammesso che nessuna scienza può svilupparsi e prosperare senza lotta di opinioni, senza libertà di critica.” Stalin (1) “È ingiusto applicare alle grandi creazioni culturali di possenti eroi artistici il metro delle concezioni attualmente prevalenti, che spesso sono… Continua a leggere →

MINIMA ORCHESTRALIA – Breve manuale antipedagogico in 6 bacchettate di Aristarco Scannabufale con Mirko Schipilliti, Luca Logi e Vittorio Colombo

1) L’INDIPENDENZA DELLE MANI “L’uso della bacchetta si impose solo nell’Ottocento, quando iniziarono a differenziarsi il controllo del tempo dell’orchestra, affidato alla mano destra, e la trasmissione delle dinamiche, del fraseggio, del cd. ‘andamento agogico’ (crescendo e diminuendo, accelerando e… Continua a leggere →

IL NEGAZIONISMO spiegato al Popolo della Bufala

ovvero: Un’autocritica di Carlo Vitali, Michele Girardi, Mario Tedeschi Turco, Paolo Congia, Marco Murara A sentenziare con tanto contumeliosa sicumera è l’anchorman di Radio Vaticana dr. Luigi Picardi, che nel quadro della trasmissione “L’Arpeggio” suole offrire generosa ospitalità in assenza… Continua a leggere →

“Arcades ambo, et cantare pares” – Lettera aperta del prof. Aristarco Scannabufale agli Accademici della Bufala (con un contributo grafico di Paolo Congia)

Stimati co-accademici, due giganti del pensiero musicale e musicologico moderno, i Signori Professori Luca Bianchini e Fernando De Luca, usano gloriarsi di appartenere all’antica Accademia dell’Arcadia. Di entrambi sono divulgati, con gran sfoggio di lazzi autoelogiativi e fantasie pseudoerudite, i… Continua a leggere →

“Il cavaliere errante, o l’informatore dimezzato” di Paolo Congia, Carlo Vitali, Carlo Centemeri, Michele Girardi

Ed ecco l’ennesimo caso di millantato credito da parte di un seguace del movimento ‘Luchesi alla riscossa’. Si tratta di vantate parentele fra musiche di Traetta e di Mozart, che nella realtà esistono soltanto in mente diaboli. La tecnica adoperata… Continua a leggere →

Ahimè, ch’io cado, n. 220: “Asini in libertà” di MIchele Girardi

Chi ha il cervello piccolo piccolo piccolo e invidia gli uomini di genio, il cui talento sovrabbonda in un cervello tanto più grande del loro, non possono neppure per un attimo afferrare il loro cammino. Se Mozart aveva dimenticato la… Continua a leggere →

FIRMATO ILLEGGIBILE “di me Giuseppe Haydn” (ovvero il copista Macchiajuolo) di Aristarco Scannabufale e Artifex

Così Agostino Taboga (cfr. questo link): “Nel descrivere l’autografo della sinfonia n. 50, W. Stockmeier segnala come nella prima pagina Haydn abbia vergato il solito «di me Giuseppe Haydn / 773». Benché sia Haydn che l’ultima cifra della data siano… Continua a leggere →

Ahimè, ch’io cado, n. 212: “Rodi l’osso” di Michele Girardi

Due righe al volo, per far toccare con mano agli scettici che i negazionisti non mollano mai la presa, notte e giorno d’intorno girando intorno ai medesimi argomenti, tentando di far breccia negli utenti à la novax, terreno spesso fertilissimo… Continua a leggere →

“Falsi musicali d’autore” di Carlo Vitali

“Menard (forse senza volerlo) ha arricchito mediante una tecnica nuova l’arte incerta e rudimentale della lettura: la tecnica dell’anacronismo deliberato e delle attribuzioni erronee. […] Questa tecnica popola di avventure i libri piú calmi“. Il borgesiano Pierre Menard, paradossale riscrittore… Continua a leggere →

“Un duello discografico sulle orme del mito Farinelli – Hallenberg vs Bartoli” di Carlo Vitali

La presente recensione viene ripubblicata per gentile concessione della rivista “Musica” e di “Le Salon Musical”. English and German translations available below The Farinelli Manuscript mezzosoprano Ann Hallenberg ensemble Stile Galante, direttore Stefano Aresi cd Glossa GCD 92352 One God,… Continua a leggere →

« Articoli precedenti

© 2021 ACCADEMIA DELLA BUFALA

Torna su ↑